frutta verdura ingr-carni slid-pesci fiori

10 image001
Intervista con Jörn Böttcher del Consiglio direttivo GFI Unione Mercati all’ingrosso della Germania

L’Unione dei Mercati all’ingrosso della Germania – GFI - Verband Deutsche Frischemärkte - rappresenta il 95 % dei Mercato all’ingrosso con i 16 Mercati più importanti in Germania e l’adesione dei Mercati della Svizzera, Austria e Norditalia (Bolzano) e l’85 % dei Mercati rionali.
I Mercati all’ingrosso approvvigionano con le loro piattaforme urbane formate da 2800 grossisti, importatori e produttori circa 60.000 acquirenti del dettaglio qualificato, dei grandi consumatori, della gastronomia (canale HORECA) con una movimentazione di 7,95 milioni di tonnellate e un valore di 10,6 miliardi di Euro.
Con le misure di allentamento della crisi Coronavirus, vi è anche la speranza che i settori della ristorazione e Food Service si riprendano dopo i mesi di Lockdown. Anche se molte aziende all'ingrosso sono state colpite duramente, le perdite in parte potevano essere compensate, ad es. attraverso una fiorente attività dei mercati rionali e un forte incremento delle vendite al dettaglio dei prodotti alimentari. La rivista Fruchthandel ha parlato della situazione con il membro del Consiglio direttivo della GFI Jörn Böttcher.

La crisi del Coronavirus colpisce tutti i settori dell'economia con difficoltà improvvise. Quali contributi locali e aiuti di Stato ricevono i mercati all'ingrosso e i grossisti locali? I fondi sono sufficienti almeno temporaneamente?
Iin base al nostro feedback, le aziende di tutte le regioni ricevono sostegni di emergenza erogati molto rapidamente. La cassa integrazione è stato utilizzata principalmente dalle imprese che forniscono servizi di ristorazione. Per la maggior parte delle aziende, tuttavia, ciò è stato necessario solo per un breve periodo. Le misure hanno interessato solo il mese di aprile. Per gli operatori dei Mercati gli Enti gestori non chiedono interessi sui canoni di locazione o affitti non corrisposti, dopo di che vengono stipulati con le singole aziende accordi di pagamento rateale. Attualmente è ancora in sospeso se le misure saranno sufficienti. Il fattore decisivo sarà la durata delle misure restrittive e la ripresa della partecipazione della popolazione alla vita pubblica.

Molti operatori dei mercati all'ingrosso hanno cambiato la loro strategia negli ultimi anni concentrandosi maggiormente sul segmento di mercato dei grandi consumatori alimentari e del Food Service. Ma è stato soprattutto in questo settore che la crisi del Coronavirus ha colpito con particolare durezza. Cosa significa questo per i mercati all'ingrosso e gli operatori ?
Le aziende locali sono particolarmente colpite in maniera differenziata. È risultata problematica per i fornitori nell'area HoReCa. Gli operatori che si sono particolarmente specializzati in questo settore si trovano ad affrontare una crisi esistenziale. Nel segmento di mercato grandi consumatori occorre differenziare in quanto molte aziende forniscono anche ospedali e case di cura. Le vendite al dettaglio di generi alimentari nei negozi tradizionali e specializzati e nei mercati settimanali rionali sono aumentate notevolmente. In molti settori dei mercati all'ingrosso, gli aumenti hanno quasi compensato le perdite nel settore della ristorazione. È stato dimostrato che i mercati all'ingrosso di approvvigionamento alimentare sono ancora indispensabili. Viene cosi confermata anche la piena validità del Mercato all'ingrosso come modello di business.

I requisiti di igiene e fitosanitari per l’autorizzazione delle vendite nei Mercati all’ingrosso e nei mercati rionali settimanali sono naturalmente molto elevati. Che seguito hanno nella pratica quotidiana
Con la certificazione igienica, i mercati soddisfano già i requisiti essenziali. Lo standard generale di igiene nei mercati all'ingrosso è quindi molto elevato e sono state necessarie solo alcune misure aggiuntive. Le regole sulla distanza e l'obbligo di indossare una mascherina antivirus durante le ore di contrattazione sono nuove. Tuttavia, sia la direzione del mercato all'ingrosso sia gli operatori hanno adottato numerose misure organizzative per evitare di dover mandare in quarantena l'intera forza lavoro in caso di un dipendente risultato positivo. Per motivi di sicurezza, i dipendenti di quasi tutte le aziende sono divisi in gruppi che non hanno alcun contatto fisico tra loro e potrebbero sostituirsi fra loro. Non ci sono mai stati problemi di approvvigionamento nei mercati all'ingrosso Le aziende sono molto flessibili a causa delle loro dimensioni e possono passare rapidamente a nuove modalità di fornitura. Il fatturato totale di queste aziende è addirittura aumentato rispetto al 2019. I mercati rionali hanno dovuto affrontare sfide particolari per quanto riguarda il rispetto dei requisiti di sicurezza. Le distanze fra gli stand sono state aumentate sono state stabilite barriere di distanza, sono stati istituiti percorsi pedonali, sono stati installati singoli registratori di cassa, ingressi e uscite sono stati regolati ed è stato abolito il self-service. Al momento funziona senza problemi in tutti i mercati in Germania. Laddove diventa l’afflusso troppo affollato, i market master e gli operatori prestano attenzione al rispetto delle regole di condotta, ad es. uso delle mascherine, rispetto delle distanze di sicurezza e acquisti rapidi.

Com'era o è la situazione sui mercati rionali ? I consumatori hanno accettato bene il servizio di vendita al dettaglio degli ambulanti ?
I mercati settimanali in Germania stanno attualmente vivendo una ripresa di vendita che non si vedeva da anni. All'aperto, i consumatori si sentono più sicuri da possibili infezioni rispetto ai negozi chiusi. Le persone hanno nuovamente scoperto i mercati settimanali come attraente luogo di shopping. Freschezza, varietà, qualità, regionalità, competenza e servizio personale si possono trovare solo nei mercati rionali. Sta già diventando assodato che oltre ai fedeli clienti abituali, molti nuovi clienti continueranno a utilizzare il mercato settimanale dopo la crisi.

Teme che la profonda recessione prevista avrà anche un impatto negativo a lungo termine sul mercato esterno? Ciò richiederà di nuovo un cambio di strategia con una diversificazione ancora maggiore?
Ciò dipenderà anche in modo decisivo dalla durata e dalla profondità delle misure restrittive. Più dura la crisi, più i cambiamenti nei comportamenti si solidificheranno nella società e nel mondo del lavoro. La recessione e la conseguente riduzione del potere d'acquisto combinate con una notevole insicurezza economica per la popolazione attiva possono anche ridurre le disponibilità economiche per i consumi fuori casa. Resta da vedere in che misura l'attuale crisi avrà un impatto negativo sui modelli di business. I grossisti hanno dovuto affrontare ripetutamente nuove sfide e possono rapidamente adattarsi a nuove circostanze.

Le vendite online sono il principale beneficiario della crisi del coronavirus, anche se indesiderato. I centri agroalimentari hanno mancato di adeguare in tempo il loro Food-Sortiment e i sistemi di vendita?
Secondo un sondaggio Bitkom, solo i rivenditori online, i mercati rionali e le vendite dirette dei produttori traggono vantaggio da un numero crescente di acquirenti nel presente momento di crisi. E il commercio ambulante e al dettaglio fanno parte della clientela tradizionale dei mercati all'ingrosso. Da anni i Mercati all’ingrosso prestano la loro attenzione alla vendita online. Tuttavia, il segmento fresco non è la destinazione più praticata per gli acquirenti online. I consumatori in Germania preferiscono ancora acquistare frutta e verdura a livello personale e localmente. Il commercio all’ingrosso sfrutta le possibilità tecniche per ordinare merci e offrirle anche tramite il canale di vendita online. Anche se il commercio è soggetto a continui cambiamenti, per noi la relazione personale è la base per una cooperazione fiduciosa. La crisi di Corona non ha cambiato nessuno di questi comportamenti.

I negozi Metro Cash & Carry sono stati recentemente aperti ai consumatori finali nel Nord Reno-Westfalia o nel Meclemburgo-Pomerania occidentale. I mercati all'ingrosso e i centri agroalimentari non potrebbero anche essere aperti al pubblico?
La maggior parte dei Mercati all'ingrosso è molto critica nei confronti dell'apertura ai consumatori finali. Le modalità di vendita in un posteggio all'ingrosso non sono progettati per gli utenti finali e causerebbero anche notevoli problemi dal punto di vista igienico sanitario. A questo si aggiungono i problemi per gli orari notturni delle contrattazioni. Decisivo diventa anche il fatto che con l’apertura ai consumatori finali entriamo in diretta concorrenza con l'attività dei nostri acquirenti. Il commercio all'ingrosso è anche molto più utile per la società come parte essenziale nella gestione delle crisi. La grande importanza è dimostrata dal fatto che i concetti di sicurezza e le norme igieniche possono essere implementati in modo molto più sicuro e rapido. Cash & carry wholesale, che ha avuto problemi per anni, non è un mercato all'ingrosso "classico", ma piuttosto un supermercato con contenitori di vendita più grandi. Mentre da noi le merci vengono portate sui camion dell'acquirente tramite un carrello elevatore, un carrello della spesa più grande di solito è sufficiente per un Cash&Carry.

Il danno economico della crisi coronavirus derivante ai centri agroalimentari e agli operatori dei Mercati può essere stimato in qualche modo?
No, non è assolutamente prevedibile come si svilupperà la situazione nei prossimi mesi. Non sappiamo come si svilupperanno gli interventi e, soprattutto, quanto dureranno. Il fattore tempo avrà un impatto importante sul destino economico di molte aziende. Resta da vedere come si svilupperà la crisi nei prossimi mesi. Al momento attuale e se le attuali aperture sono mantenute in questo modo, i mercati all'ingrosso non hanno grossi problemi. Al contrario: In quanto piattaforme con le sue strutture di acquisto gratuite e le piccole e medie imprese flessibili per garantire la fornitura di alimenti freschi, hanno contribuito a far fronte alla crisi. Rimaniamo una “roccia nella tempesta".

(Fonte: Fruchthandel 12 - n.21-22 / 2020

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Query Database